Portale della provincia di Biella

Collegamenti ai contenuti della pagina:
il contenuto della pagina
il menu di navigazione
il motore di ricerca
» Visualizzazione predefinita
» Versione ad alto contrasto

 

Menu di navigazione

Contenuto della pagina

Contratto a progetto
Contratto a progetto

11 ottobre 2013  -  CONTRATTO A PROGETTO

E’ un rapporto di lavoro di tipo parasubordinato, ossia un contratto che presenta caratteristiche intermedie tra lavoro subordinato e lavoro autonomo.

In esso il lavoratore assume l'incarico di eseguire uno specifico progetto o una fase di esso, con lavoro prevalentemente o esclusivamente proprio.

L'individuazione di uno specifico progetto costituisce elemento essenziale di validità del rapporto di collaborazione coordinata e continuativa, la cui mancanza determina la costituzione di un rapporto di lavoro subordinato a tempo indeterminato.

L'individuazione di uno specifico progetto costituisce elemento essenziale di validità del rapporto di collaborazione coordinata e continuativa, la cui mancanza determina la costituzione di un rapporto di lavoro subordinato a tempo indeterminato. La nuova disciplina si applica ai contratti di collaborazione stipulati successivamente alla data di entrata in vigore della legge

REQUISITI DEL CONTRATTO A PROGETTO

Il contratto di lavoro a progetto deve essere stipulato in forma scritta e deve contenere:
a) la durata, determinata o determinabile, della prestazione di lavoro
b) il progetto specifico individuandone i contenuti caratterizzanti; non può comportare lo svolgimento di compiti meramente esecutivi e ripetitivi, che possono essere individuati dai contratti collettivi stipulati dalle organizzazioni sindacali comparativamente piu’rappresentative sul piano nazionale;
c) è obbligatorio indicare in forma scritta anche «il risultato finale che si intende conseguire» attraverso il contratto di lavoro a progetto;
d) il compenso e i criteri per la sua determinazione, nonché i tempi e le modalità di pagamento e la disciplina dei rimborsi spese;
e) le forme di coordinamento tra lavoratore e committente per l’esecuzione del lavoro, che in ogni caso non possono essere tali da pregiudicare l’autonomia del lavoratore;
f) le eventuali misure per la tutela della salute e sicurezza sul posto di lavoro del collaboratore a progetto.

IL COMPENSO

Il compenso del lavoratore a progetto non può essere inferiore ai minimi stabiliti per ciascun settore di attività, dai contratti collettivi specifici per i collaboratori.

In assenza di contrattazione collettiva specifica il compenso non può essere inferiore alla retribuzione minima prevista dai contratti collettivi nazionali per i lavoratori subordinati dello stesso settore di pari livello e con pari mansioni.

In caso di gravidanza, malattia e infortunio il rapporto di lavoro contrattuale non si estingue, ma resta sospeso senza erogazione di corrispettivo.


 
(Ultimo aggiornamento: 11/10/13 12:49:44)

Invia l'articolo.
 
 

Torna all'inizio