Portale della provincia di Biella

Collegamenti ai contenuti della pagina:
il contenuto della pagina
il menu di navigazione
il motore di ricerca
» Visualizzazione predefinita
» Versione ad alto contrasto
» Versione a risparmio energetico

 
Ti trovi in: [H]  Home » [S]  Sezioni » Ambiente » Impianti Termici
 

Menu di navigazione

Contenuto della pagina

Impianti Termici

Impianti termici

Parte delle attività svolte dal Servizio Qualità dell'Aria e Risorse Energetiche sono finalizzate al controllo del rendimento energetico di tutti gli impianti termici adibiti alla climatizzazione degli ambienti con o senza produzione d'acqua calda sanitaria, o alla sola produzione centralizzata d'acqua calda per gli stessi usi. I citati controlli necessari ad accertare l'effettivo stato d'esercizio e manutenzione degli impianti termici, come indicato dalla Legge 10/91 e dai suoi decreti attuativi, dovranno essere espletate almeno con cadenza biennale. Tali attività risultano necessarie al fine di perseguire gli obiettivi di tutela ambientale e contribuiscono a garantire un buon livello di sicurezza nei luoghi in cui viviamo.

IN EVIDENZA

Scadenza trasmissione dati:
Entro il 31 marzo p.v. i distributori di combustibile per gli impianti termici devono comunicare, mediante il Catasto degli Impianti Termici (CIT), i dati relativi all'ubicazione e alla titolarità degli impianti riforniti negli ultimi dodici mesi e i dati relativi alle forniture annuali di combustibile per le utenze asservite.
Ai sensi del paragrafo 2.2.della D.G.R. n.17-1466 del 25 maggio 2015, "i gestori delle reti di teleriscaldamento, i venditori di biomassa combustibile ed i distributori di gasolio e GPL per riscaldamento extra rete" sono considerati a tutti gli effetti distributori di combustibile e pertanto sono soggetti agli obblighi di trasmissione dei dati relativi alle utenze attive.
In caso di inadempimento del suddetto obbligo, l’articolo 41, comma 2 bis, della l.r. 3/2015 prevede la sanzione amministrativa pecuniaria da euro 1.000,00 a euro 6.000,00.

Patentino conduzione impianti termici
L'art. 287 del D.Lgs. 3 aprile 2006, n. 152 "Norme in materia ambientale", così come modificato dall'art. 3, comma 20, D.Lgs. n. 128 del 2010, prescrive che il personale addetto alla conduzione degli impianti termici civili di potenza termica nominale superiore a 232 kW deve essere munito di un patentino di abilitazione rilasciato da un'autorità individuata dalla legge regionale. In questo modo l'obbligo del patentino, in precedenza previsto solo per impianti termici alimentati con combustibili minerali solidi o liquidi ai sensi della Legge 615/1966, è esteso anche a quelli alimentati con combustibile gassoso.
La Regione Piemonte con l'art. 44 della L.R. 26 aprile 2000 n. 44 ha attribuito alle Province la competenza per il rilascio del patentino all'abilitazione alla conduzione degli impianti termici, pertanto l'autorità legittimata al rilascio del suddetto patentino è la Provincia e non più la Direzione Provinciale del Lavoro.
Gli impianti termici con potenzialità termica superiore a 232 kW sono classificati in due categorie:
• Impianti di 1° categoria per il cui mantenimento in funzione occorre anche il certificato di abilitazione alla condotta dei generatori di vapore a norma del Regio Decreto 12/05/1927 n. 824;
• Impianti di 2° categoria per il cui mantenimento in funzione non occorre il certificato di abilitazione alla condotta dei generatori di vapore;

e per essi sono previsti due gradi di abilitazione:

Patentino di 1° grado
1. abilita alla conduzione degli impianti termici di 1° categoria;
2. per il rilascio è necessario che il richiedente sia in possesso anche del certificato di abilitazione alla condotta dei generatori di vapore rilasciato dalla Direzione Provinciale del Lavoro in corso di validità;
3. abilita direttamente, senza l'osservanza di alcuna formalità, anche alla conduzione degli impianti per cui è richiesto il patentino di 2° grado;

Patentino di 2° grado
1. abilita alla conduzione degli impianti termici di 2° categoria;
2. è necessario seguire degli appositi corsi e ottenere la certificazione di abilitazione.

Note generali
1. I patentini possono essere rilasciati a persone aventi età non inferiore a 18 anni compiuti.
2. I certificati di abilitazione di qualsiasi grado per la condotta dei generatori di vapore, rilasciati ai sensi del regio decreto 12/05/1927 n. 824 costituiscono titolo di qualificazione professionale valido per il rilascio senza esame dei patentini di 1° o 2 ° grado.
3. L'eventuale provvedimento di sospensione o di revoca del certificato di abilitazione alla condotta dei generatori di vapore disposto a norma degli articoli 31 e 32 del regio decreto 12 maggio 1927, n. 824, non comporta automatica decadenza del patentino di abilitazione alla condotta degli impianti termici.
4. I patentini di 1° e 2° grado di abilitazione alla conduzione degli impianti termici non necessitano di essere rinnovati in quanto la loro validità cessa contemporaneamente alla cessazione dell'attività e cancellazione dalla Camera di Commercio.
5. I corsi per il conseguimento del patentino di abilitazione alla conduzione degli impianti termici, la loro durata e le prove di esame sono stabilite con deliberazione della Regione Piemonte.

 

(Ultimo aggiornamento: 20/02/2018)

 
Ambiente
Logo Provincia di Biella
 

Torna all'inizio