Portale della provincia di Biella

Collegamenti ai contenuti della pagina:
il contenuto della pagina
il menu di navigazione
il motore di ricerca
» Visualizzazione predefinita
» Versione ad alto contrasto
» Versione a risparmio energetico

 
Ti trovi in: [H]  Home » [S]  Sezioni » Ambiente » Impianti Termici
 

Menu di navigazione

Contenuto della pagina

Impianti Termici

Impianti termici

Parte delle attività svolte dal Servizio Qualità dell'Aria e Risorse Energetiche sono finalizzate al controllo del rendimento energetico di tutti gli impianti termici adibiti alla climatizzazione degli ambienti con o senza produzione d'acqua calda sanitaria, o alla sola produzione centralizzata d'acqua calda per gli stessi usi. I citati controlli necessari ad accertare l'effettivo stato d'esercizio e manutenzione degli impianti termici, come indicato dalla Legge 10/91 e dai suoi decreti attuativi, dovranno essere espletate almeno con cadenza biennale. Tali attività risultano necessarie al fine di perseguire gli obiettivi di tutela ambientale e contribuiscono a garantire un buon livello di sicurezza nei luoghi in cui viviamo.

Quadro Normativo di riferimento:
- D.P.R. 26-8-1993 n. 412  (Regolamento recante norme per la progettazione, l'installazione, l'esercizio e la manutenzione degli impianti termici degli edifici ai fini del contenimento dei consumi di energia, in attuazione dell'art. 4, comma 4, della L. 9 gennaio 1991, n. 10. - Pubblicato nella Gazz. Uff. 14 ottobre 1993, n. 242, S.O.).
- D.P.R. 21-12-1999 n. 551 (Regolamento recante modifiche al D.P.R. 26 agosto 1993, n. 412, in materia di progettazione, installazione, esercizio e manutenzione degli impianti termici degli edifici, ai fini del contenimento dei consumi di energia - Pubblicato nella Gazz. Uff. 6 aprile 2000, n. 81).
- D.P.C.M. 8-3-2002 (Disciplina delle caratteristiche merceologiche dei combustibili aventi rilevanza ai fini dell'inquinamento atmosferico, nonché delle caratteristiche tecnologiche degli impianti di combustione. - Pubblicato nella Gazz. Uff. 12 marzo 2002, n. 60 e ripubblicato, dopo la registrazione alla Corte dei conti, nella Gazz. Uff. 3 luglio 2002, n. 154).
- D.Lgs. 19-8-2005 n. 192 (Attuazione della direttiva 2002/91/CE relativa al rendimento energetico nell'edilizia. Pubblicato nella Gazz. Uff. 23 settembre 2005, n. 222 S.O.).
- D.Lgs. 29-12-2006 n. 311 Disposizioni correttive ed integrative al D.Lgs. 19 agosto 2005, n. 192, recante attuazione della direttiva 2002/91/CE, relativa al rendimento energetico nell'edilizia.
Pubblicato nella Gazz. Uff. 1 febbraio 2007, n. 26, S.O.
- L.R. 28-5-2007 n. 13 Disposizioni in materia di rendimento energetico nell'edilizia. Pubblicata nel B.U. Piemonte 31 maggio 2007, n. 22.
- D.P.R. 16-4-2013 n. 74 "Regolamento recante definizione dei criteri generali in materia di esercizio, conduzione, controllo, manutenzione e ispezione degli impianti termici per la climatizzazione invernale ed estiva degli edifici e per la preparazione dell'acqua calda per usi igienici sanitari, a norma dell'articolo 4, comma 1, lettere a) e c), del decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 192" - Pubblicato nella Gazz. Uff. 27 giugno 2013, n. 149.
- D.M. 10-2-2014 del Ministero dello sviluppo economico "Modelli di libretto di impianto per la climatizzazione e di rapporto di efficienza energetica di cui al decreto del Presidente della Repubblica n. 74/2013" - Pubblicato nella Gazz. Uff. 7 marzo 2014, n. 55.
- D.M. 20-6-2014 del Ministero dello sviluppo economico "Proroga del termine per adeguare i modelli di libretto e i rapporti di efficienza energetica degli impianti di climatizzazione" - Pubblicato nella Gazz. Uff. 4 luglio 2014, n. 153.
- Deliberazione della Giunta Regionale 6 ottobre 2014, n. 13-381 "Disposizioni operative per la costituzione e gestione del catasto degli impianti termici in attuazione del d.lgs.192/2005 e s.m.i. e del d.p.r. 74/2013. Approvazione nuovi modelli di libretto di impianto e di rapporto di controllo di efficienza energetica".

Patentino conduzione impianti termici
L'art. 287 del D.Lgs. 3 aprile 2006, n. 152 "Norme in materia ambientale", così come modificato dall'art. 3, comma 20, D.Lgs. n. 128 del 2010, prescrive che il personale addetto alla conduzione degli impianti termici civili di potenza termica nominale superiore a 232 kW deve essere munito di un patentino di abilitazione rilasciato da un'autorità individuata dalla legge regionale. In questo modo l'obbligo del patentino, in precedenza previsto solo per impianti termici alimentati con combustibili minerali solidi o liquidi ai sensi della Legge 615/1966, è esteso anche a quelli alimentati con combustibile gassoso.
La Regione Piemonte con l'art. 44 della L.R. 26 aprile 2000 n. 44 ha attribuito alle Province la competenza per il rilascio del patentino all'abilitazione alla conduzione degli impianti termici, pertanto l'autorità legittimata al rilascio del suddetto patentino è la Provincia e non più la Direzione Provinciale del Lavoro.
Gli impianti termici con potenzialità termica superiore a 232 kW sono classificati in due categorie:
• Impianti di 1° categoria per il cui mantenimento in funzione occorre anche il certificato di abilitazione alla condotta dei generatori di vapore a norma del Regio Decreto 12/05/1927 n. 824;
• Impianti di 2° categoria per il cui mantenimento in funzione non occorre il certificato di abilitazione alla condotta dei generatori di vapore;

e per essi sono previsti due gradi di abilitazione:

Patentino di 1° grado
1. abilita alla conduzione degli impianti termici di 1° categoria;
2. per il rilascio è necessario che il richiedente sia in possesso anche del certificato di abilitazione alla condotta dei generatori di vapore rilasciato dalla Direzione Provinciale del Lavoro in corso di validità;
3. abilita direttamente, senza l'osservanza di alcuna formalità, anche alla conduzione degli impianti per cui è richiesto il patentino di 2° grado;

Patentino di 2° grado
1. abilita alla conduzione degli impianti termici di 2° categoria;
2. è necessario seguire degli appositi corsi e ottenere la certificazione di abilitazione.

Note generali
1. I patentini possono essere rilasciati a persone aventi età non inferiore a 18 anni compiuti.
2. I certificati di abilitazione di qualsiasi grado per la condotta dei generatori di vapore, rilasciati ai sensi del regio decreto 12/05/1927 n. 824 costituiscono titolo di qualificazione professionale valido per il rilascio senza esame dei patentini di 1° o 2 ° grado.
3. L'eventuale provvedimento di sospensione o di revoca del certificato di abilitazione alla condotta dei generatori di vapore disposto a norma degli articoli 31 e 32 del regio decreto 12 maggio 1927, n. 824, non comporta automatica decadenza del patentino di abilitazione alla condotta degli impianti termici.
4. I patentini di 1° e 2° grado di abilitazione alla conduzione degli impianti termici non necessitano di essere rinnovati in quanto la loro validità cessa contemporaneamente alla cessazione dell'attività e cancellazione dalla Camera di Commercio.
5. I corsi per il conseguimento del patentino di abilitazione alla conduzione degli impianti termici, la loro durata e le prove di esame sono stabilite con deliberazione della Regione Piemonte.

 

(Ultimo aggiornamento: 26/10/2016)

 
Ambiente
Logo Provincia di Biella
 

Torna all'inizio