Portale della provincia di Biella

Collegamenti ai contenuti della pagina:
il contenuto della pagina
il menu di navigazione
il motore di ricerca
» Visualizzazione predefinita
» Versione ad alto contrasto
» Versione a risparmio energetico

 
Ti trovi in: [H]  Home » [S]  Sezioni » Protezione civile » Volontariato
 

Menu di navigazione

Contenuto della pagina

Volontariato

Il Volontariato di Protezione Civile

Se vogliamo comprendere appieno il Volontariato, dobbiamo porre al centro della nostra attenzione il Volontario, ovvero l’uomo con la sua innata capacità solidaristica di portare aiuto. L’attività di protezione civile ed in particolare quella del Volontariato è infatti permeata dal profondo coinvolgimento emotivo, sentimento di solidarietà con le popolazione vittime di disastri, con le loro sofferenze.
L’esperienza ci insegna che in tutte le occasioni in cui si è verificato un evento calamitoso, più o meno grave, non è mai mancata la solidarietà della gente. Dall’esperienza dell’Irpinia ad oggi molta strada è stata fatta ed il Volontariato è cresciuto in misura esponenziale in termini qualitativi e di numero: vi confluiscono persone unite dalla comune volontà di portare aiuto e soccorso a chi ne ha bisogno.
L’attività di Volontariato è definita “quella prestata in modo personale, spontaneo e gratuito, tramite l’organizzazione di cui il Volontario fa parte, senza fini di lucro anche indiretto ed esclusivamente per fini di solidarietà” (Art. 2 della Legge 11.08.1991 n. 266 - Legge quadro sul Volontariato).
La legge 225/92, istitutiva del Servizio Nazionale della Protezione Civile, ha saputo cogliere il grande sforzo di crescita del Volontariato anche in termini di professionalità ed operatività ed ha riconosciuto le Organizzazioni di Volontariato quali strutture operative nazionali.

Il Volontariato di Protezione Civile in Provincia di Biella
Le deleghe trasferite dalla regione alle Province con la L.R. 7/2003 ed i relativi regolamenti attuativi, prevedono tra i nuovi compiti l’organizzazione, il sostegno e la formazione del Volontariato a livello provinciale.
Ritenendo che l’efficacia degli interventi in emergenza dipenda dal livello organizzativo delle Organizzazioni di volontariato e dalle loro capacità relazionali, l’Amministrazione provinciale ha provveduto a:
· stabilire i requisiti che devono soddisfare le Organizzazioni di volontariato che siedono al tavolo provinciale;
· individuare tali Organizzazioni di volontariato nel Comitato provinciale e nell’Unità di Crisi, a supporto dell’omologa Funzione di supporto;
· favorire la crescita di un tavolo del Volontariato per lo sviluppo di strategie comuni.
Il Volontariato è quindi rappresentato sia nell’organismo d’indirizzo (Comitato) che in quello di gestione dell’emergenza (Unità di crisi).
Le Organizzazioni che rispondono ai requisiti stabiliti sono:

- Croce Rossa Italiana - Comitato Provinciale di Biella;
· Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico (C. N. S. A. S.)
· Associazione Radioamatori Italiani;
· Coordinamento delle Organizzazioni di Volontariato di Protezione Civile della Provincia di Biella;
· Corpo Volontari Antincendi Boschivi del Piemonte - Ispettorato provinciale di Biella;
· Associazione Nazionale Alpini - Sezione di Biella - Nucleo di Protezione Civile.


Croce Rossa Italiana - Delegazioni di Biella, Cossato, Cavaglià (C. R. I.)
I compiti della Croce Rossa Italiana nell’attività di Protezione Civile sono normati con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 5 luglio 2002, n. 208.
Il Comitato Provinciale della Croce Rossa Italiana concorre ad assicurare l'assistenza sanitaria alle popolazioni colpite, in particolare, cura:
· lo smistamento e l'approntamento dei Centri Raccolta per i primi soccorsi; l’impiego d’unità e formazioni campali nel soccorso di massa; il primo soccorso e trasporto infermi;
· il soccorso socio-assistenziale; la raccolta e distribuzione generi di prima necessità; l’approntamento e gestione di cucine e mense;
· l’approntamento e gestione di magazzini;
· la gestione di ricoveri provvisori;
· il recupero salme.
La Croce Rossa, ha suddiviso il territorio di competenza in tre grandi aree, orientale, occidentale e meridionale rispettivamente gestite dalle sedi di Cossato, Biella e Cavaglià. Si tratta di un modello collaudato che garantisce efficacia e velocità negli interventi quotidiani.

Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico – Soccorso Alpino e Speleologico Piemontese (C. N. S. A. S.)
I compiti del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico nell’attività di Protezione Civile sono normati dalla legge 21 marzo 2001, n. 74.
Il Soccorso Alpino e Speleologico provvede al soccorso d’alpinisti, escursionisti e speleologi in difficoltà; provvede al recupero di persone rimaste isolate o infortunate in zona montana o impervia; previa intesa con la Centrale Operativa "118", provvede al recupero salme in zone impervie.
Il CNSAS dispone di personale volontario, dislocato sul territorio biellese, opportunamente formato, con specifiche competenze in merito ai fenomeni valanghivi.
Il Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico (C. N. S. A. S.), ha dislocato, nelle valli principali in cui si articola il territorio biellese, quattro stazioni operative che sono in grado di operare 24 ore al giorno per 365 giorni all’anno. Le stazioni sono coordinate centralmente attraverso la sede operativa di Torino

Associazione Italiana Radioamatori Biella (Sezioni di Biella e Trivero) (A.R.I.)
L’Associazione Radioamatori Italiani, garantisce storicamente le comunicazioni alternative d’emergenza a livello nazionale.
La Provincia di Biella ha sottoscritto con l’Associazione Radioamatori Italiani, sezioni di Biella e Trivero una convenzione che ha la finalità di garantire le telecomunicazioni di emergenza tra l’Unità di crisi Provinciale ed i COM.

Coordinamento delle Organizzazioni di Volontariato di Protezione Civile della Provincia di Biella
Il Coordinamento delle Organizzazioni di Volontariato di Protezione Civile provinciale, è una Organizzazione di 2° livello. Significa che al Coordinamento non aderiscono persone fisiche, ma le associazioni e i gruppi comunali.
Del “Coordinamento” possono far parte, di diritto, tutte le Organizzazioni di Protezione Civile presenti sul territorio provinciale, iscritte nel Registro provinciale del Volontariato o nell’elenco del Dipartimento della Protezione Civile.
Ha sede in Biella e dispone di materiali e mezzi specialistici per interventi tecnici.

Corpo Volontari Antincendi Boschivi – A.I.B. – Ispettorato provinciale di Biella
Il Corpo Volontari Antincendi Boschivi del Piemonte opera sul territorio regionale nell’attività di prevenzione ed estinzione degli incendi boschivi, con le regole definite dalle procedure operative siglate con il Corpo Forestale dello Stato e dalla Convenzione con la Regione Piemonte – Assessorato Economia Montana e Foreste, stipulata in applicazione della Legge Regionale n. 16/94.
Il Corpo Volontari Antincendi Boschivi – A.I.B. – Ispettorato provinciale di Biella, dispone di squadre dislocate in aree di base, che operano sul territorio in stretto contatto con i Sindaci. L’Ispettorato provinciale di Biella coordina l’attività delle squadre.

Associazione Nazionale Alpini (A.N.A.) di Biella
L’A.N.A. (Associazione Nazionale Alpini) si propone di “promuovere e concorrere in attività di volontariato e Protezione Civile, con possibilità di impiego in Italia e all'estero, nel rispetto prioritario dell'identità associativa e della autonomia decisionale”.
L’Unità di Protezione Civile della sezione A.N.A. di Biella è composta di n. 4 squadre a copertura dell’intero territorio provinciale. Ha sede presso la sezione provinciale A.N.A. in Biella.

 

(Ultimo aggiornamento: 18/04/2017)

Download
scarica il documento in formato PDF (acrobar reader)
 
la legislazione sul volontariato - breve excursus sulle leggi che hanno trattato del volontariato di protezione civile - PDF 12 KB
 
scarica il documento in formato PDF (acrobar reader)
 
 
 
 
Pagine correlate
Protezione civile
Logo Provincia di Biella
 

Torna all'inizio