Portale della provincia di Biella

Collegamenti ai contenuti della pagina:
il contenuto della pagina
il menu di navigazione
il motore di ricerca
» Visualizzazione predefinita
» Versione ad alto contrasto
» Versione a risparmio energetico

 
Ti trovi in: [H]  Home » [S]  Sezioni
 

Menu di navigazione

Contenuto della pagina

Pesca
Nuove regole per la pesca nella Provincia di Biella

28 giugno 2016  - 
La Provincia di Biella, nelle more dell'approvazione del Piano Ittico regionale, ai sensi del Regolamento regionale approvato con D.P.G.R. 21 aprile 2008, n. 6/R (ora sostituito dal D.P.G.R. 10/01/2012, n. 1/R), ai soli fini dell'attività alieutica ha adottato diversi provvedimenti attuativi in materia di pesca.
Questi provvedimenti, alla luce del nuovo regolamento regionale D.P.G.R. 10/01/2012, n. 1/R, sono stati tutti raccolti in una sola deliberazione, la D.G.P. n. 31 del 13/02/2012, parzialmente modificata dall'Atto Commissariale n. 15 del 18.02.2013.
Di seguito vengono riassunte le disposizioni particolari adottate dalla Provincia di Biella per l'attuale stagione piscatoria.
TROTA FARIO: Misura minima  per il pescato
Al fine di favorire una riproduzione naturale delle trote e consentire la crescita dei riproduttori, è stato stabilito, esclusivamente per le zone salmonicole, che la misura minima per il pescato è pari a 24 cm.
ATTREZZI CONSENTITI PER L’USO DELLA PESCA DILETTANTISTICA NELLE ACQUE SALMONICOLE
Gli attrezzi consentiti per la pesca sono evidenziati in dettaglio nel Vademecum del pescatore biellese. In particolare si ricorda che è vietato, nelle acque classificate salmonicole, l’utilizzo di ami dotati di ardiglione, in alternativa è possibile utilizzare ami con ardiglione reso inerme mediante schiacciamento. Inoltre tutti gli ami armati con esca naturale non potranno avere un’apertura inferiore a 7 mm
DIVIETO DI PESCA NELLE ACQUE CLASSIFICATE SALMONICOLE
Nelle acque classificate salmonicole è vietato esercitare la pesca dilettantistica nei giorni di martedì e venerdì ad eccezione dei festivi.
trota mediterranea
ZONE DI PROTEZIONE E RIPOPOLAMENTO
Sono state rinnovate e parzialmente modificate le zone di divieto di pesca, inserendo una nuova zona sul Rio Caneglio nel Comune di Crevacuore ed eliminando il divieto sul Rio Artignaga nei Comuni di Mosso e Vallemosso.
ZONE "NO KILL"
Nelle zone di pesca con rilascio obbligatorio del pesce, è consentita esclusivamente la tecnica della pesca a mosca.
REGOLAMENTO DELLA PESCA ALLA CARPA E DELLA TECNICA DEL CARPFISHING NEI BACINI ARTIFICIALI DELLE ACQUE CIPRINICOLE
DELLA PROVINCIA DI BIELLA
E' stato ribadito nell'atto commissariale:
  • Il periodo di divieto di pesca alla specie carpa è compreso dal 1° giugno al 30 giugno come da disposizioni regionali. Dal 1° maggio al 31 maggio è consentita la pesca alla carpa rigorosamente solo NO KILL.
  • la postazione di pesca del carpista deve avere una lunghezza minima di 25 m
  • esclusivamente nella disciplina del CARPFISHING è fatto obbligo di detenzione  ed uso, debitamente bagnato, di guadino con bocca non inferiore a 80 cm ed inoltre del materassino appoggio cattura e di adeguati disinfettanti per eventuali lacerazioni dell'apparato boccale.
ATTENZIONE:

Per tutti i dettagli, compresa la localizzazione delle zone di divieto e no Kill si rimanda al Vademecum, riportato in calce a questa pagina.

Aggiornato al 1 gennaio 2016

 
(Ultimo aggiornamento: 21/02/17 14:59:22)

 
Invia l'articolo.
 
 

Torna all'inizio