Portale della provincia di Biella

Collegamenti ai contenuti della pagina:
il contenuto della pagina
il menu di navigazione
il motore di ricerca
» Visualizzazione predefinita
» Versione ad alto contrasto
» Versione a risparmio energetico

 
Ti trovi in: [H]  Home » [S]  Sezioni
 

Menu di navigazione

Contenuto della pagina

Città Studi: l’Assemblea dei sindaci approva la proposta del presidente Ramella
cittastudi
Città Studi: l’Assemblea dei sindaci approva la proposta del presidente Ramella
I Sindaci si fanno carico della quota della Provincia relativa ai corsi universitari di Città Studi.

16 dicembre 2015  - 

La Provincia di Biella, a seguito dell’entrata in vigore della L. 56/2014 (Delrio), non può più occuparsi di Università. Questa è la ragione per cui l’Ente provinciale non può più onorare la propria parte di competenza connessa alla convenzione tra Università degli Studi Torino e Territorio Biellese.

L’unica soluzione possibile è stata rappresentata e proposta ai Sindaci dal Presidente Ramella Pralungo durante l’Assemblea dei Sindaci svoltasi ieri: ogni Comune, escluso quello di Biella che ha già in capo una quota prevista dalla convenzione, dovrà prevedere una somma di 0,63 euro ad abitante per raggiungere la cifra di circa 85.700 euro, quota annuale in carico alla Provincia di Biella.

“I Sindaci – ha dichiarato Ramella Pralungo – hanno dato una grande dimostrazione di saper guardare al bene del territorio, di muoversi in maniera compatta e di remare tutti nella stessa direzione. Questa è la strada giusta, l’unica strada che il Biellese può percorrere per scrollarsi quella patina di pessimismo e puntare con forza e coraggio sul futuro.

Credo che inizialmente molti Sindaci non fossero per niente convinti di appoggiare la proposta, ma la discussione concreta e diretta, ha fatto sì che il voto finale sia stato favorevole. L’investimento sull’università è infatti stato riconosciuto da tutti i Sindaci come fondamentale per lo sviluppo del territorio.  La Provincia di Biella farà da capofila per tutti i Comuni, ma non potendo più, per legge, onorare la propria quota, saranno i Comuni a farlo, per far sì che l’impegno e la convinzione anche degli altri soggetti impegnati (Fondazione Cassa di Risparmio di Biella, CCIAA di Biella, Comune di Biella) non risultino vani, visto che senza la quota della Provincia si sarebbe comunque di fronte ad una inadempienza che darebbe luogo alla rescissione contrattuale. Questo non può e non deve accadere perché i nostri giovani ed il nostro territorio si meritano l’università.”

La sede universitaria di Biella- sostiene Pier Ettore Pellerey, Presidente di Città Studi-  è una realtà importante, un valore aggiunto che il nostro territorio deve sfruttare come risorsa per i giovani. Quest’anno sono oltre 1300 gli iscritti ai corsi universitari a Biella, molti dei quali non avrebbero potuto permettersi di portare avanti un percorso universitario fuori provincia.

Per due anni la Fondazione Cassa di Risparmio di Biella aveva provveduto a coprire le quote a carico della Provincia di Biella. Ad oggi possiamo dire che siamo arrivati ad una decisione saggia perché il sapere è il miglior investimento per il futuro dei nostri ragazzi”.

 
(Ultimo aggiornamento: 18/12/15 11:42:09)

Dai un voto a questo articolo
Ci sono un totale di 0 voti
 
 

commenti
Commenta la notizia
Nome:

Email:

Commento:


N.B: il commento sarà soggetto ad approvazione, la sua pubblicazione non è pertanto istantanea

 
Invia l'articolo.
 
 

Torna all'inizio