Portale della provincia di Biella

Collegamenti ai contenuti della pagina:
il contenuto della pagina
il menu di navigazione
il motore di ricerca
» Visualizzazione predefinita
» Versione ad alto contrasto
» Versione a risparmio energetico

 
Ti trovi in: [H]  Home
collegamento alla pagina di registrazione
 

Menu di navigazione

Contenuto della pagina

Carlotta Grisorio è la nuova Consigliera di parità della Provincia di Biella
Carlotta Grisorio
Carlotta Grisorio è la nuova Consigliera di parità della Provincia di Biella
E’ stata eletta a dicembre. Psicoterapeuta, svolge la sua attività in ambito socio assistenziale.

13 gennaio 2016  - 

Psicoterapeuta, tutor nel campo della formazione, una formazione nel campo relazionale con particolare interesse all’ambito delle Pari opportunità di genere.

E’ Carlotta Grisorio, la Consigliera di parità della Provincia di Biella in carica dal 25 novembre.  All’impegno lavorativo presso Enaip, come tutor nei corsi e nei servizi al lavoro, unisce l’attività come psicoterapeuta nel proprio studio privato e attività di volontariato presso il consultorio familiare “La persona al centro”.

Tra il 2007 e il 2011 è stata referente per le Pari Opportunità nel campo della formazione e ora, come Consigliera provinciale, intende riprendere e potenziare il dialogo e il lavoro di rete con le parti sociali, con le associazioni di categoria, con gli avvocati e con il mondo del lavoro in generale per monitorare la situazione della discriminazione nel lavoro nel Biellese, aumentare la sensibilità del territorio sulle Pari Opportunità nell’ambito lavorativo e rispetto ai casi di discriminazione uomo/donna.

Oltre a intraprendere azioni positive in questa direzione, Carlotta Grisorio fin da subito intende anche riprendere il filo del discorso, in ultimo lasciato un po’ in disparte, con la rete nazionale delle Consigliere di parità, con le quali si è incontrata a Roma il 17 dicembre scorso.

La funzione di Consigliera di Parità è stata istituita nel 2006 con decreto legge allo scopo di promuovere e controllare l'attuazione dei principi di uguaglianza di opportunità e di non discriminazione di genere nel mondo del lavoro.

Chi si può rivolgere alla Consigliera di Parità? Chiunque si senta discriminato o discriminata nell’accesso al lavoro, nella progressione di carriera, se si subiscono molestie sul luogo di lavoro, se si hanno difficoltà nel rientro dalla maternità o nella richiesta di congedi parentali.

 
(Ultimo aggiornamento: 13/01/16 13:17:49)

 
Dai un voto a questo articolo
Ci sono un totale di 0 voti
 
 

commenti
Commenta la notizia
Nome:

Email:

Commento:


N.B: il commento sarà soggetto ad approvazione, la sua pubblicazione non è pertanto istantanea

 
Invia l'articolo.
 
 

Torna all'inizio