Portale della provincia di Biella

Collegamenti ai contenuti della pagina:
il contenuto della pagina
il menu di navigazione
il motore di ricerca
» Visualizzazione predefinita
» Versione ad alto contrasto
» Versione a risparmio energetico

 
Ti trovi in: [H]  Home
collegamento alla pagina di registrazione
 

Menu di navigazione

Contenuto della pagina

Consigliere di parità: compiti e funzioni
Logo consigliera di parità
Consigliere di parità: compiti e funzioni
Dall'incontro con la rete nazionale le tematiche fondamentali da affrontare nel breve e lungo periodo.

10 febbraio 2016  - 

Il 17 dicembre scorso a Roma si è riunita la rete nazionale delle consigliere di parità. Dall’incontro sono emerse le tematiche fondamentali da affrontare nel breve e lungo periodo. La Provincia di Biella ha eletto la propria Consigliera di parità lo scorso 25 novembre, Carlotta Grisorio, che terrà conto delle criticità e dei problemi da affrontare nel ruolo che riveste e che la Consigliera Nazionale di Parità Francesca Bagni Cipriani, riassume in una mail dell’incontro che pubblichiamo qui:

Gentili Consigliere,

nel corso dell’ultima riunione del 17 dicembre scorso sono di nuovo emerse le numerose tematiche legate al ruolo della Consigliera Nazionale di Parità ed alle difficoltà che si incontrano nello svolgere il proprio compito di pubblico ufficiale.

Come ricorderete, le questioni principali hanno riguardato un primo pacchetto di questioni che fanno riferimento

-          al problema della copertura finanziaria per una eventuale assistenza legale in caso di discriminazione accertata;

-          a risolvere il problema del rapporto con l’ente locale che pone dei veti all’utilizzo del fondo della Consigliera, là dove ancora esiste, sia per le attività che per il rimborso delle spese sostenute per gli spostamenti necessari allo svolgimento delle proprie funzioni compresi i permessi retribuiti;

-          inoltre è tempo di affrontare il problema del rinnovo di molte nomine scadute o addirittura di assenze, problema che lascia scoperta l’azione della Consigliera sul territorio.

Come è stato affermato nel corso dell’incontro, verrà inviata una circolare a tutti gli enti da parte degli uffici competenti del Ministero del Lavoro che chiarisca i dubbi e fornisca risposte.

Abbiamo anche detto però che da parte nostra c’è bisogno di costruire un’identità certa e quindi più forte del ruolo, compiti e funzioni delle Consigliere.

Durante l’incontro quindi è stato proposto

-          un lavoro corale che arrivi a definire una sorta di decalogo, un mansionario condiviso e condivisibile soprattutto con l’Ente di riferimento che ora, con la nuova norma, ha nuovi compiti da adempiere nei confronti del nostro lavoro;

-          di chiarire le caratteristiche degli organismi paritari come per esempio Dipartimento Pari Opportunità, CUG, Consigliera di Fiducia etc. nel loro rapporto con l’azione delle Consigliere;

-          di mettere a punto uno schema unico per la compilazione delle relazioni annuali che testimoniano il lavoro svolto durante l’anno;

-          trovare una soluzione semplice e operativa per l’elaborazione dei rapporti biennali in modo che diventino strumenti utili, consultabili e confrontabili;

-          infine cercare in ogni modo di valorizzare e rendere più visibile la figura della Consigliera come soggetto strategico, soprattutto in questo momento di grandi cambiamenti.

Ringraziandovi per la proficua collaborazione, vi auguro buon lavoro.

La Consigliera Nazionale di Parità

Francesca Bagni Cipriani

 
(Ultimo aggiornamento: 10/02/16 13:48:22)

Dai un voto a questo articolo
Ci sono un totale di 0 voti
 
 

commenti
Commenta la notizia
Nome:

Email:

Commento:


N.B: il commento sarà soggetto ad approvazione, la sua pubblicazione non è pertanto istantanea

 
Invia l'articolo.
 
 

Torna all'inizio