Portale della provincia di Biella

Collegamenti ai contenuti della pagina:
il contenuto della pagina
il menu di navigazione
il motore di ricerca
» Visualizzazione predefinita
» Versione ad alto contrasto
» Versione a risparmio energetico

 
Ti trovi in: [H]  Home
 

Menu di navigazione

Contenuto della pagina

Agenda Digitale Biella tra le migliori in Italia
ADB_Agenda Digitale Biella
Agenda Digitale Biella tra le migliori in Italia
Terzo premio conferito dall'Osservatorio agenda digitale del Politecnico di Milano tra oltre cento candidati.

06 dicembre 2017  - 

ADBiella, siglata due anni fa con il patto del Battistero e che vede Provincia di Biella tra i pricipali partner e firmatari, è stata giudicato tra le migliori tre agende digitali d'Italia: lo ha sancito il premio indetto dall'Osservatorio agenda digitale del Politecnico di Milano, che oggi a Roma ha organizzato un convegno per fare il punto sull'evoluzione del settore nella pubblica amministrazione. Il progetto di Biella è arrivato nel novero delle tre finaliste nella categoria delle esperienze locali (c'erano anche le categorie nazionale e regionale). La presidente di Agenda Digitale Fulvia Zago (assessore all'innovazione del Comune di Biella) ha ricevuto il premio dalle mani di Luca Gastaldi, direttore dell'Osservatorio. La classifica finale ha visto al primo posto il comune di Cesena, al secondo l'Asl di Taranto e al terzo Biella. A giudicare il valore dei progetti, che avevano già superato una preselezione tra oltre 100 candidature, è stata chiamata una giuria con rappresentanti, tra gli altri, del Governo, del Parlamento, di Anci, di Confindustria e dell'Agenzia per l'Italia digitale.

Le tre città finaliste si sono presentate davanti alla platea con cinque minuti di tempo a disposizione per raccontare contenuti e obiettivi della loro agenda digitale. «La nostra è pensata come territoriale e non solo della città» ha spiegato Fulvia Zago. «I nostri obiettivi sono l'azzeramento del divario digitale infrastrutturale, il miglioramento dei servizi, l'inclusione digitale di cittadini e imprese, la creazione di una comunità smart e la diffusione del digitale come propulsore per l'economua del territorio». Un particolare accento è stato messo sulla partnership tra pubblico e privato: «I venti firmatari del patto condividono infrastrutture, risorse e un nuovo ed efficace modus operandi che comprende i laboratori di coprogettazione costituiti da volontari, cittadini e associazioni». Fulvia Zago ha messo l'accento su alcune delle azioni, come #BiellaInclude che consente agli over 55 di imparare i rudimenti di internet e dell'uso del computer («Siamo a quasi 500 iscritti dall'inizio» ha ricordato l'assessore), come #InnamoratidelBiellese con le sue oltre 38mila fotografie pubblicate su Instagram con le bellezze del territorio fotografate dai cittadini-testimonial, come il piano telematico scolastico che prevede di connettere con la fibra tutti gli istituti della città entro la fine della legislatura o come il piano degli insediamenti, con le oltre sessanta aziende contattate per convincerle a portare la loro sede a Biella e dintorni, con l'offerta territoriale a base di incentivi, spazi e vantaggi messa a punto dai partner. «Aspettiamo la fine della legislatura» ha detto Fulvia Zago «per sapere quante saremo riuscite a convincerne».

La premiazione era inserita in un convegno che è servito a presentare la ricerca “In corsa per l'Italia digitale”, un lavoro che l'Osservatorio Agenda Digitale del Politecnico di Milano ha realizzato per studiare quello che ha definito «il cambio di passo» impresso nel 2017 all'Agenda Digitale italiana. «È di vitale importanza» è il punto degli organizzatori del convegno «garantire continuità a tutte queste iniziative che, se non saranno portate avanti con convinzione e perseveranza, rischiano di non produrre cambiamenti strutturali».

 
(Ultimo aggiornamento: 06/12/17 09:19:19)

 
Invia l'articolo.
 
 

Torna all'inizio